Passe Spiritista-www.sullealidellinfinito.it 

© Copyright2019- 2020 | opera depositata su Proofy -COPYRIGHT I contenuti presenti sul sito Sulle Ali dell'Infinito dei quali è autore il proprietario del sito non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E' vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E' vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi della legge.

Passe Spiritista

PASSE E ACQUA FLUIDIFICATA: CONCETTO E MECCANISMI

 (...) Così come la trasfusione di sangue è un rinnovo delle forze fisiche, il Passe è una trasfusione di energie psichiche, con la differenza che le risorse organiche sono ritirate da un serbatoio limitato, e gli elementi psichici sono ritirati da un serbatoio illimitato di forze spirituali. (Chico Xavier/Emmanuel - Il Consolatore - questione 99)
 

CONCETTO: Il Passe, conosciuto anche come fluidoterapia, è l’atto di trasmettere energia magnetizzata dal mondo spirituale, direttamente o con l’aiuto di un medium passista (attraverso l’imposizione delle mani), in beneficio dell’uomo incarnato - È una trasmissione volontaria e deliberata di fluidi benefici da una persona all’altra. - È un complemento a un trattamento in cui vi è una educazione olistica per produrre una riforma nel comportamento intimo dell’individuo.

Il Passe è di solito trasmesso dalle mani, ma può anche essere fatto attraverso lo sguardo, il soffio o a distanza, tramite radiazioni mentali.

La trasmissione e la ricezione del Passe è legato alla potenza della volontà di chi dona le energie benefiche e di coloro che ricevono.
 

Il Passe può essere una trasmissione congiunta, o mista;

  • di fluidi magnetici – provenienti dallo Spirito incarnato - 
  • di fluidi e spirituali - provenienti dai benefattori spirituali -

Non dovrebbe essere considerato una semplice trasmissione di energia animale (di magnetizzazione).

L’applicazione del Passe ha lo scopo di facilitare il recupero delle disarmonie fisiche e psicologiche, sostituendo i fluidi deleteri per fluidi benefici; bilanciare il funzionamento delle cellule e tessuti danneggiati; promuovere l’armonizzazione del funzionamento delle strutture neurologiche che garantiscono lo stato di lucidità mentale e intellettuale dell’individuo.

La vera guarigione delle malattie è legata al processo di adeguamento dello Spirito, che può estrapolare il limite di tempo di una reincarnazione, essendo il Passe solo un strumento di aiuto. Per difendersi da malattie o disturbi, non previsti nella Legge di Causa ed Effetto, è necessario che la persona stabilisca e segua una programmazione di miglioria morale e di consapevolezza spirituale di sé stesso.

Il Passe è nato nelle civiltà antiche, come un rituale nelle credenze primitive della azione quotidiana di frizione delle mani che placavano il dolore. Dai tempi antichi, l’imposizione delle mani era una delle formule utilizzate dalle persone per aiutare gli ammalati o per allontanare da essi le cattive influenze spirituali.

In molti passaggi della Bibbia vediamo Gesù e i suoi discepoli imporre le mani sui bisognosi, supplicando Dio di guarirli. Gesù ha fatto largo uso di questa pratica e disse che se avessimo voluto avremmo potuto fare lo stesso.

“... Il Passe è la trasfusione di energie fisiopsichica, una operazione buona volontà dentro la quale il compagno del bene, dona sé stesso in tuo beneficio” (Seguimi, Emmanuel – cap. Il Passe) -.

“Il Passe non è unicamente una trasfusione di energia animiche. È l’equilibrio ideale della

mente, un sostegno efficace a tutti i trattamenti” (Opinione Spiritica, André Luiz -. Capitolo 55)

Marco 1,29-31 “Appena usciti dalla sinagoga, andarono con Giacomo e Giovanni in casa di Simone e di Andrea. La suocera di Simone era a letto con la febbre; ed essi subito gliene parlarono; egli, avvicinatosi, la prese per la mano e la fece alzare; la febbre la lasciò ed ella si mise a servirli.”
 

Prima del Dott. Mesmer[1] e dello Spiritismo, poco si sapeva sulla pratica di questa usanza. I fenomeni di cura erano avvolti nel mistero e tenuti come avvenimenti sovrannaturali. Con l’arrivo della Dottrina Spiritista, gli Spiriti superiori spiegarono che le mani servivano come uno strumento per la proiezione di fluidi magnetizzati, donati dall’operatore e da fluidi spirituali, portati dagli Spiriti.

Secondo loro, i fluidi curativi erano assorbiti dalla persona bisognosa per mezzo dei centri vitali (chakra), accumulatori e distributori di energie, localizzati nel perispirito e dal proprio corpo astrale, che agisce come una spugna. In questo modo possiamo, teoricamente, spiegare le cure promosse da Gesù e dai guaritori di tutti i tempi. Fra gli spiritisti, l’imposizione delle mani su di una creatura con l’intenzione di alleviare sofferenze, guarirla di qualche male o semplicemente fortificarla è conosciuta come “Passe”.

IL MAGNETISMO DE MESMER A KARDEC: - Nel XVIII secolo, Mesmer, ha divulgato le tecniche relative all’utilizzo del magnetismo umano, strumentalizzato per l’imposizione delle mani. - Mesmer ammette l’esistenza di una forza magnetica che si manifesta tramite un “fluido universalmente distribuito, agendo in sistema nervoso e dando al corpo umano, proprietà simili alla calamita. Questo fluido, controllato, potrebbe essere usato a scopo terapeutico”. Le sue proposte furono respinte, combattuta, e ridicolizzata dalla maggior parte della società medica dell’epoca. – Il Magnetismo proposto da Mesmer ha attirato l’attenzione del scienziato e pedagogo Hippolyte Léon Denizard Rivail (Allan Kardec) che lo studiò per 35 anni, diventando membro di un gruppo di ricercatori. – Rivail frequentò fino al 1850 sessioni sonnamboliche, in cui ha cercato una soluzione ai casi di infermità, a lui affidati, anche si considerassi un modesto ipnotizzatore. – Kardec racconta in Opere Postume, la sua iniziazione allo Spiritismo, quando nel 1854 si è interessato alle informazioni fornitesi dal magnetizzatore Fortier, sui tavolini volanti. – in marzo di 1858 nella Revue Spirite, Allan Kardec scrive: “Il Magnetismo ha preparato la via allo Spiritismo (...).
 

TIPI DI PASSE:

MAGNETICO o animico = quando l'energia (fluido vitale) utilizzata proviene dal Medium Passista.

SPIRITUALE = quando l'energia utilizzata proviene dalla spiritualità.

MISTO = quando l’energia viene dalla spiritualità e dal Medium Passista. Passe animico o magnetico Passe Spirituale Passe misto.

Passe
 

Attraverso quali meccanismi avviene il Passe? Secondo lo Spirito André Luis (medico vissuto in Brasile che si comunicava attraverso il medium Chico Xavier), il cervello può essere considerato, al tempo stesso, un potente emittente e ricevente di onde mentali. Le frequenze di queste onde mentali caratterizzano il livello morale/spirituale di ciascuna creatura e si riflette anche sulla sua aura. L’aura corrisponde a sottili flussi atomici del pensiero, possiede colori e frequenze particolari; quanto più nobili saranno gli ideali e più corretta la condotta morale, maggiore sarà la frequenza delle onde emesse.

Come vediamo, l’efficacia del Passe dipende quasi esclusivamente dai processi mentali che coinvolgono le tre parti: lo spirito benefattore, il medium e l’assistito. Se uno di loro restasse disattento al lavoro, con la mente rivolta a obbiettivi estranei al compito in corso, l’interscambio di fluidi diverrebbe difficile, con risultati al di sotto del desiderabile.

Perché la necessità della preghiera durante il Passe? Durante una qualsiasi manifestazione medianica dalla quale partecipi un messaggero dalle alte sfere, costui, ad esempio, cercherà di abbassare il suo livello vibratorio e al tempo stesso chiederà al medium uno sforzo nel senso di elevare la propria frequenza mentale, ciò sarà conseguito se si manterrà in concentrazione e intensa preghiera. Se il medium possiede il sincero desiderio di servire, attraverso la preghiera sincera riuscirà ad elevare il suo livello vibratorio e l’interscambio avverrà con facilità e sicurezza. Nel caso il medium non realizzi questo sforzo, la comunicazione diventerà tanto più difficile quanto maggiore sarà il grado di disattenzione del medium. Questa influenza che riceviamo dalle diverse entità spirituali è sempre determinata dalla configurazione del livello vibratorio di cui disponiamo al momento, immediato riflesso dei pensieri e/o sentimenti che albergano dentro di noi.

Considerando che a noi arrivano, sia i pensieri elevati (emessi da spiriti protettori e messaggeri del bene) che i pensieri malefici (emessi da entità inconseguenti e beffatrici), passeremo di conseguenza a “dare ascolto” (sintonizzare) coloro che possiedono le nostre stesse frequenze. Da ciò l’attrazione esercitata fra i simili. In fondo, siamo noi a scegliere gli spiriti che ci accompagnano, a seconda del nostro modo di essere e di pensare.

Si deve avere un luogo adatto per applicare e ricevere il Passe? Sì. Dovrà esistere un luogo appropriato nella casa spiritista per la somministrazione del Passe. Questo spazio, se possibile, dovrà servire soltanto a questo fine evitando al massimo il passaggio delle persone o deposito di oggetti non riguardanti questo compito. La maggior parte delle case spiritiste non può servirsi di un luogo esclusivo a questa finalità. In questo caso si deve scegliere un recinto che più si avvicini alle condizioni ideali. Non è raccomandabile applicare il Passe al di fuori di queste condizioni, in casa ad esempio.

Eccezioni vengono fatte sporadicamente nel caso l’ammalato non possa spostarsi, perché in ospedale o costretto a letto, il medium comunque deve premurarsi di non trovarsi senza il giusto appoggio spirituale, promuovendo se possibile, la presenza di altri compagni. Si potrà adoperare l’uso della musica a sfondo spirituale e a basso volume. L’uso di “profumi o incensi” è totalmente dispensabile, lo Spiritismo non adotta alcun tipo di rituale.

La fede è importante per l’efficacia del Passe? Sì. Comprendiamo la fede come uno stato di recettività ai fluidi. Nel caso il paziente abbia molta fede nell’azione del Passe, possiamo dire che è ricettivo ai fluidi che riceverà. Mantenendo il pensiero altrove, dubitando della reale intercessione spirituale e comportandosi in modo inadeguato, il paziente starà sprecando non solo i fluidi del medium come l’opportunità che gli è stata offerta di ricevere l’aiuto della Spiritualità. Come diceva Gesù: “… va, la tua fede ti ha salvato”.

“Stava ancora parlando quando venne uno della casa del capo della sinagoga a dirgli: «Tua figlia è morta, non disturbare più il maestro». Ma Gesù che aveva udito rispose: «Non temere, soltanto abbi fede e sarà salvata». Giunto alla casa, non lasciò entrare nessuno con sé, all'infuori di Pietro, Giovanni e Giacomo e il padre e la madre della fanciulla. Tutti piangevano e facevano il lamento su di lei. Gesù disse: «Non piangete, perché non è morta, ma dorme». Essi lo deridevano, sapendo che era morta, ma egli, prendendole la mano, disse ad alta voce: «Fanciulla, alzati!». Il suo spirito ritornò in lei ed ella si alzò all'istante. Egli ordinò di darle da mangiare. I genitori ne furono sbalorditi, ma egli raccomandò loro di non raccontare a nessuno ciò che era accaduto”. Luca 8, 49-56

Il Passista: Il passista non deve necessariamente essere un santo, ma deve sforzarsi nel cambiamento interiore e nell’apprendistato intellettuale. Siccome il passista dona una parte dei suoi fluidi che andranno a fortificare il lato materiale e spirituale dell’assistito, questi fluidi devono essere puliti da vibrazioni deleterie provenienti dai vizi o dai pensieri. L’uso della sigaretta e dell’alcool devono essere evitati.

Il passista deve coltivare nel suo quotidiano i buoni pensieri. L’orgoglio, l’egoismo, la maldicenza, la sensualità esacerbata e la violenza nelle attitudini devono essere combattute costantemente. La Spiritualità superiore associa dei gruppi di Benefattori ai lavoratori che si sforzano, moltiplicandogli la capacità di servizio. Le elevate condizioni morali del passista sono fondamentali perché riesca ad ottenere il risultato soddisfacente nel compito del Passe.

Chi può ricevere il Passe? Il Passe non ha controindicazioni potendo essere somministrato sia negli adulti che nei bambini. Tuttavia, devono essere rispettate le giuste condizioni del luogo, del passista e dell’assistito; non è una pratica che va fatta tanto per fare.

Quale deve essere la condotta dell’assistito? Il paziente dovrà considerare la fluidoterapia come un aiuto sacro, considerando i benefici spirituali che riceve ad ogni Passe, dovendo pertanto sforzarsi per avere una condotta meritoria, promuovendo un cambiamento interiore con vista ad una crescita spirituale consapevole. Il Passe non guarisce ma agisce come sollievo e alimento dell’anima perché possa guarire da sé stessa.

Il Passe, per essere un atto di amore e solidarietà, deve essere dato senza pretendere alcuna retribuzione, ossia semplicemente con il desiderio di aiutare. Inoltre, il Passe è essenziale nei trattamenti di disossessione, poiché equilibra il paziente dalle influenze degli Spiriti perturbatori.

«La modifica delle proprietà dell'acqua con la forza della volontà degli Spiriti, viene elaborata per mezzo del fluido magnetico, producendo un fenomeno analogo a quello dei fluidi del corpo, con effetto curativo.»


[1] Franz Anton Mesmer (1734-1815) medico tedesco, creatore della teoria del magnetismo animale, conosciuto con il nome di “mesmerismo”.