Introduzione al sito Sulle ali dell'infinito -Sito Web di Garbin Luca.-Sulle ali dell'infinito di Luca Garbin

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Sulle ali dell'infinito di Luca Garbin

Questo Sito

Quando finisce qualcosa, che sia una vita, una relazione, un periodo di vita, siamo portati a metter l'accento sulla parola fine. Perchè noi esseri umani siamo terrorizzati dalla morte più di qualsiasi altro animale. Così spesso reagiamo come i bruchi, per i quali la trasformazione è una tragedia, è la fine del mondo. Eppure neppure la morte potrebbe essere la fine definitiva, chi può dirlo? Invece l'uomo reagisce alla fine di qualcosa  come se fosse la fine e basta, la vive come un lutto. Ogni pagina che si gira ne fa leggere una nuova. Per noi esseri umani è molto difficile, siamo troppo legati alle nostre abitudini, anche quando sono insane e ci fanno male. Quanto meno ci adattiamo. Pronunciare la parola fine è per i più impossibile, non considerando che la morte del bruco è la nascita della farfalla. Temiamo troppo il futuro per poter girare pagina, con la paura che dietro quella pagina non vi sia che il nulla.
( Fonte :http://sistemaegocentrico.blogspot.com/2012/06/cio-che-il-bruco-chiama-fine-del-mondo.html)